Le migliori impastatrici – classifica 2017

Manutenzione dell’impastatrice

Dopo aver acquistato la nostra impastatrice ed averla utilizzata in molteplici occasioni, ci siamo accorti che alcuni elementi dell’elettrodomestico sono danneggiati e non permettono al prodotto di funzionare nel migliore dei modi. Verificato che parti dell’impastatrice non funzionano correttamente, è arrivato quindi il momento di dare un giro di vite alla situazione: necessitiamo di sapere come eseguire una corretta manutenzione dell’impastatrice.

È bene sapere che non è poi così difficile riparare un’impastatrice planetaria, visto che, in generale, non richiede un grande lavoro di manutenzione. Nella maggior parte dei casi, vi accorgerete che aggiustare le parti danneggiate (o, semplicemente, pulirle) sarà un gioco da ragazzi. Le impastatrici sono state costruite appositamente per poi essere ripulite, riparate e risistemate, quindi non temete che vi sarà possibile trovare la soluzione ai vostri problemi tecnici in breve tempo. Per capire quali sono le parti non funzionanti o danneggiate è opportuno, per prima cosa, smontare alcuni pezzi dell’impastatrice. Come smontare i pezzi? nell’apposito libretto delle istruzioni è indicato com’è possibile farlo, facendo attenzione a quali elementi dell’impastatrice è possibile rimuovere e quali no. Ad esempio, se alcune parti, per essere aggiustate, necessitano una ripulita, basterà semplicemente rimuoverle e risciacquarle. Altrimenti, se le parti non possono essere smontate, dobbiamo fare attenzione e capire in quale modo dobbiamo agire. Può essere che il pezzo non funzionante necessiti semplicemente di una piccola ripulita perché ostruito da residui difficilmente removibili senza risciacquare l’elemento in questione. In questi casi, a volte non si necessita nemmeno di rimuovere elementi, ma basta solo pulire dall’interno con panni umidi, cotone o altro che non risulti invadente durante la pulizia.

Nella sezione seguente andremo ad analizzare come è possibile pulire la nostra impastatrice senza paura, svolgendo la nostra operazione senza eventuali preoccupazioni di causare danni o deterioramenti del prodotto.

Come pulire un’impastatrice

Prima di procedere alla pulizia del prodotto, è necessario capire quali sono le parti che necessitano d’esser pulite. In questo modo, si evita di smontare tutto e di dimezzare il lavoro da eseguire. Ad esempio, se ci accorgiamo che il lavoro è diventato più lento del normale, ma l’unico elemento sporco è la ciotola, potremmo pensare che basterà rimuovere solo quella, senza dover andare a togliere altre parti che rimangono pulite e quindi intatte. Inutile dire che prima di procedere allo smontaggio dei pezzi vi raccomandiamo di operare con la spina dell’impastatrice staccata, onde evitare scosse o danni alla vostra salute. Per procedere poi alla susseguente pulizia degli elementi sporchi, utilizzate acqua calda e detersivo. Attenzione a quest’ultimo: importante è che non sia un detersivo eccessivamente forte, visto che può causare notevoli deterioramenti. Dopo aver lavato a dovere le parti da voi rimosse, potrete poi riasciugale e rimontarle quando volete.

manutenzione-impastatrice-1-impastatricemaster

Utilizzate acqua calda e detersivo senza l’utilizzo di abrasivi o detersivi

Prima della pulizia, una degli accorgimenti principali è quello di non lavare l’impastatrice sotto acqua corrente impiegando l’utilizzo di abrasivi o detersivi che potrebbero causare piccole erosioni o danni permanenti. Per risolvere tale problema e, ad ogni modo, effettuare una pulizia più che decente, nella maggior parte dei casi vi basterà un panno o del cotone inumidito per fare in modo che la pulizia avvenga nel migliore dei modi. Detto questo, non esagerate con i vostri detersivi. Se potete farne a meno, meglio così. Tuttavia, se necessitate di rimuovere una parte di sporco incrostato all’interno dell’elettrodomestico, potete mescolare acqua e detersivo ma sempre facendo molta attenzione, scegliendo il detersivo che fa al caso nostro.

Una delle cose da evitare in primis è quella di non mettere “a mollo” in acqua e, soprattutto, in altri liquidi le parti smontabili o altre parti dell’impastatrice.  Così facendo si rischia di rimuovere il lubrificante che risiede nelle parti in questione e visto che per rimettere il lubrificante c’è bisogno di un processo lungo e costoso, sconsigliamo caldamente di far perdurare i pezzi dell’impastatrice in acqua o altri liquidi. Sconsigliamo anche di utilizzare coltelli o posate taglienti per rimuovere eventuali residui di pasta o di altri ingredienti. Non solo rischiate di graffiare il prodotto, ma quello che potrebbe risultare un semplice lavoro di rimozione potrebbe causare danni permanenti, come ad esempio causare una “storta” ad un frullatore o a un rullo interno, storta che potrebbe risultare fatale.

manutenzione-impastatrice-4-impastatricemaster

Per asciugare la vostra impastatrice usate un panno per la pulizia

Se la manutenzione della vostra impastatrice riguarda solo il lavaggio e la pulizia degli elementi al suo interno sarà sicuramente un gioco da ragazzi. Ad ogni modo, per evitare ogni tipo di problema per la rimozione e il montaggio degli elementi da pulire, dare un’occhiata al libretto d’istruzione è una buona idea. Tuttavia, per ogni specifica impastatrice, ci sono determinate tecniche semplici da eseguire che possono aiutarci a pulire e riparare le parti in questione. Ad esempio, per un’impastatrice destinata a produrre una pasta sfoglia, è possibile passare l’impasto all’interno dei suoi rulli per pulire i residui di farina oppure si può utilizzare una striscia di cotone bagnata e accompagnarla all’interno dei rulli. Naturalmente, terminata la pulizia e verificando che non è stata forzata nessuna parte nello specifico, si può procedere all’asciugamento delle suddette parti. Ricordatevi che pulire con un panno asciutto o meglio con del cotone vi aiuterà nel vostro intento di mantenere perfettamente pulita la vostra macchina. Non c’è bisogno di esagerare!

Differenti macchine, differente manutenzione

Considerando i differenti tipi di macchine, è necessario fare una piccola distinzione fra impastatrici domestiche ed impastatrici industriali. Mentre le prime sono macchine in gran parte automatiche e che necessitano di una manutenzione non particolarmente complicata, le seconde sono impiegate molto frequentemente e in maniera intensiva, rendendole così più soggette a problemi tecnici più “gravi” e che necessitano di tecnici specializzati per essere riparate.

Se si tratta di un impastatrice planetaria semplice e utilizzata per scopi puramente “domestici”, è opportuno sapere che nella maggior parte dei casi gli apparecchi non sono granché riparabili in quanto a problemi tecnici interni (non di pulizia), in quanto sono modelli standard preimpostati per non essere riparati drasticamente nelle loro parti. Giusto una caduta accidentale del prodotto o una botta che ha manomesso i processi interni fuorviandoli dal loro comune processo di lavorazione può essere uno dei modi per danneggiare le suddette macchine. In questi casi, a meno che il prodotto non sia in garanzia, sarà molto difficile ripararlo manualmente. Se invece si tratta di un’impastatrice tendenzialmente professionale, il più delle volte è indispensabile contattare direttamente il rivenditore da cui si è comprato il prodotto per poi ricorrere nello specifico al tecnico che può riparare il nostro elettrodomestico. Di conseguenza, contattare l’azienda produttrice è sicuramente l’idea migliore, così da non intoppare in ulteriori danni irreparabili. Nei rari casi in cui si debba procedere ad una manutenzione interna, una delle parti da tener d’occhio nella nostra impastatrice è il motorino elettrico. Da notare che questa parte dell’elettrodomestico può essere diversa fra un brand ed un altro. Detto questo, considerare i migliori brand in quanto a produzione di motorini elettrici è senz’altro una buona idea per prevenire eventuali danni interni.

Manutenzione interna dell’impastatrice

Dopo aver capito come lavare, risciacquare, asciugare ed eventualmente risistemare la nostra macchina per gli impasti, è bene capire alcuni piccoli dettagli per mantenere nel tempo l’impastatrice planetaria o di stampo professionale che sia. Per prima cosa, leggere con cura il libretto delle istruzioni è senz’altro un buon metodo per evitare danni. In questo modo, non solo saremo consapevoli di come la macchina realmente funziona, ma così facendo possiamo prolungare la vita dell’impastatrice. Visto che i produttori non sono responsabili di danni da noi causati, a meno che non entri in campo la garanzia del prodotto, spetterà a noi capire in maniera approfondita come utilizzare al meglio la nostra impastatrice. Evitare quindi usi impropri o azzardati di alcune parti per voler sperimentare o intrufolarsi in compiti che la macchina da noi posseduta non riesce a fare potrebbe essere uno sbaglio cruciale, a meno che non siamo sicuri dell’esito della nostra operazione.

Un altro elemento da tener sott’occhio in quanto alla manutenzione tecnica è la sua cinghia. Se sospettiamo di alcuni danni interni, controllare la cinghia dell’impastatrice è una buona idea per fare in modo che la regolazione del processo d’impasto sia corretta e conforme agli altri elementi. In casi di sospetti danneggiamenti, è opportuno farla controllare, solitamente, ogni 3-4 mesi. Anche la catena di trasmissione, in questi casi, è un’altra parte da non lasciar perdere. Anch’essa andrebbe controllata dopo alcuni mesi, giusto per verificare che tutto sia al suo posto e non sospettare più di eventuali danni notati in precedenza.

manutenzione-impastatrice-5-impastatricemaster

In molti casi basta aggiungere olio lubrificante per fare in modo che la catena di trasmissione e la cinghia vengano regolate manualmente

Se le suddette parti risultano leggermente allargate rispetto alla loro forma standard, ci sarà bisogno di regolarle in modo corretto. In questo caso, se non volete ricorrere a specialisti, dovrete agire in modo autonomo e quindi soggettivo. Se il danno è grave o difficilmente riparabile, probabilmente necessitate di uno specialista. Altrimenti, per riparare queste parti, in molti casi basta solo aggiungere olio lubrificante per fare in modo che la catena di trasmissione e la cinghia vengano regolate manualmente.

Potrebbe esser considerato banale il fatto di lasciare il prodotto in un luogo conservato ed asciutto (visto che, nella maggior parte dei casi, risiederà nella nostra cucina per sempre), ma non è così. Una stanza che è soggetta all’umidità o ha una temperatura non adeguata potrebbe causare deterioramenti interni. È opportuno fare attenzione anche a questo piccolo dettaglio, collocando il prodotto in una stanza adeguata. Un altro dei problemi tecnici che si possono verificare è il malfunzionamento del mixer che mescola il nostro in pasto, inteso come la parte collegata alla frusta o ad altre parti che lavorano direttamente sull’impasto. Un non corretto funzionamento del mixer è causato da alcuni problemi di vario genere che spesso ci sfuggono di mano ma che tuttavia sono abbastanza semplici da risolvere. Solitamente se il mixer non funziona, si presentano i seguenti problemi: la presa di alimentazione non è inserita; l’interruttore di emergenza segnala rosso; il timer è in posizione 0; il coperchio del mixer è sollevato; la protezione di sicurezza (intesa spesso come il coperchio stesso) è sollevata.

manutenzione-impastatrice-impastatricemaster

I malfunzionamenti del mixer sono causati da problemi di vario genere che tuttavia sono abbastanza semplici da risolvere

Come potrete notare, la maggior parte dei problemi sopraelencati sono semplici da risolvere. Basterà ad esempio verificare che la presa sia attaccata per far sì che il mixer funzioni di nuovo, oppure basterà impostare il timer da 1 a 60 minuti per far funzionare l’impastatrice di nuovo. I problemi sopraelencati sono, più che altro, distrazioni personali. Ovvio che il prodotto non funziona se non lo si collega ad una presa di corrente! Fate attenzione anche a queste piccole dimenticanze che si possono verificare, così da evitare di allarmarsi per niente. Può succedere anche che il coperchio non si chiuda. In questi casi, o le viti sulla piastra di bloccaggio sono troppo larghe e non permettono al coperchio di chiudersi o semplicemente basterà girare il gancio o la frusta in questione, in maniera che risulti allineata al disco corrispondente. Così facendo, il coperchio si chiuderà di nuovo.

Se invece la ciotola della nostra impastatrice non resta immobile e continua a oscillare incessantemente quasi come se stesse per uscire da un momento all’altro, si necessita di ricorrere alla regolazione della cinghia o della catena di trasmissione precedentemente descritte, visto che potrebbe essere causata dal fatto che si siano allentate o siano posizionate male. Inoltre, può anche succedere che il gancio non sia stabile durante la lavorazione dell’impasto. Anche in questo caso è sempre bene controllare la cinghia e la catena di trasmissione, visto che regolano la stabilità ed il corretto funzionamento dei processi di lavorazione.

Per capire come accedere alla cinghia e alla catena di trasmissione, si consiglia di leggere accuratamente il libretto d’istruzioni, così da capire quali operazioni dobbiamo svolgere senza danneggiare niente. Una mancata documentazione su come operare sui suddetti elementi potrebbe causare danni permanenti, quindi fare attenzione per la manutenzione interna è un “must”. Consigliamo di ricorrere a specialisti solo nei casi in cui abbiate esaurito tutte le possibilità di svolgere riparazioni in maniera autonoma. Non solo risparmierete denaro, ma se riuscite a riparare l’impastatrice da soli, successivamente saprete meglio quali sono i problemi da affrontare per far si che funzioni di nuovo in maniera corretta.

Il particolare caso delle impastatrici professionali

In ambiti professionali come pizzerie, pasticcerie e panifici, le impastatrici utilizzate possiedono una qualità superiore alle comuni planetarie utilizzate nelle nostre case. Di conseguenza, più il prodotto ha bisogno di essere utilizzato frequentemente per produrre pizze tutti i giorni o per comporre pasticcini ogni mattina, è opportuno assicurarsi che funzioni perfettamente. Per fare in modo che si risparmi tempo ed energie, l’impastatrice professionale con si avrà a che fare ha bisogno d’essere sempre in forma, altrimenti il prodotto generato risulterà scadente o non qualitativo come si desidera. È per questo che le impastatrici come quella a spirale o a forcella hanno bisogno di una manutenzione più accurata. Infatti, è proprio la bontà del prodotto finale che dipende, in gran parte, dallo stato dell’impastatrice. Il modo con cui si prepara la pasta dipende dallo “stato di forma” dell’elettrodomestico in questione. Se mantenuta nel miglior modo possibile, sarà difficile intoppare in eventuali problemi o disguidi su un piano professionale.

Visto che si tratta di elettrodomestici complicati nella sua costruzione e composizione, per alcuni problemi difficilmente sapremo come poter riparare il prodotto o farlo funzionare di nuovo. È per questo che nella maggior parte dei casi, soprattutto se si tratta di ambiti professionali, c’è bisogno di un’assistenza tecnica qualificata. A questo punto è arrivato il momento di ricorrere a specialisti, altrimenti non ne caveremo fuori niente. In alcuni casi può essere costoso eseguire un certo tipo di manutenzione, ma non sarà possibile riparare gli oggetti interni autonomamente, a meno che non siamo specialisti qualificati nel campo delle impastatrici.

manutenzione-impastatrice-6-impastatricemaster

Per alcuni problemi difficili c’è bisogno di un’assistenza tecnica qualificata

Sconsigliamo caldamente di provare a riparare manualmente un danno interno di un’impastatrice professionale. Non solo possiamo aggravare il danno, ma si rischia di compromettere definitivamente il corretto funzionamento della macchina. È sempre meglio investire qualche soldo in più nella manutenzione che arrischiarsi personalmente nella riparazione. Così facendo, possiamo aggiustare definitivamente l’apparecchio e quindi prolungare la sua longevità.

Considerazioni finali

Sappiamo molto bene che l’impastatrice ci permette di farci risparmiare tempo per creare impasti di ogni tipo, dall’impasto grezzo per il pane e la pizza ad un impasto più leggero per dolci e pasticcini. Questo ci permette di dar sfogo alla propria creatività culinaria senza avere il bisogno di un faticoso lavoro manuale. Tuttavia, è sempre bene non abusare del nostro elettrodomestico. È pur sempre un prodotto che, più lo si utilizza e più lo si consuma. Soprattutto se si utilizza in casa nostra (e, quindi, al 99%, sarà un impastatrice planetaria), è consigliato impiegarlo per i migliori impasti senza abusarne troppo. Non che non vi sia possibile usare il vostro prodotto quando volete, ma è opportuno mantenerlo e conservalo nel migliore dei modi, così che possa avere una lunga vita. Abbiamo notato quali sono i modi per conservarlo sia su un piano di pulizia che su un piano di manutenzione interna. Altri modi per far sì che duri nel tempo sono, ad esempio, non sovraccaricare il prodotto d’ingredienti e, possibilmente, seguire le ricette alla lettera. Così facendo, eviteremo di trovarsi malloppi giganti all’interno della nostra macchina. Seguendo la ricetta in questione passo per passo, oltre che generare un alimento buono e formato nel modo giusto, possiamo capire qual è l’ordine degli ingredienti per fare in modo che non si creino eventuali pastoni interni che magari risultano conseguentemente difficili da rimuovere.

Non solo eviteremo di riempire eccessivamente la ciotola, ma in questo modo il prodotto finale risulterà pulito e mai invadente. Non azzardiamo troppo nel produrre portate e cerchiamo di fare l’essenziale. L’impastatrice è pur sempre una macchina e, soprattutto se si tratta di una planetaria, è bene capire quali sono i suoi limiti. Da prendere in considerazione è anche il modello di impastatrice con cui abbiamo a che fare. Ogni tipo di modello ha i suoi modi d’uso e i suoi metodi di manutenzione. Conoscere nello specifico l’elettrodomestico da noi acquistato è senz’altro un plusvalore per noi stessi e per la nostra arte culinaria.

Ricordiamo, infine, di verificare tutti gli “step” di manutenzione iniziale prima di contattare specialisti. Se si presentano malfunzionamenti, in alcuni casi può semplicemente trattarsi di una piccola banalità, come ad esempio il fatto che la presa non è attaccata correttamente o dello sporco incrostato impedisce una corretta lavorazione del nostro prodotto. Solo dopo aver passato in rassegna tutti i processi da svolgere per mantenere l’impastatrice intatta dovremmo ricorrere ad uno specialista. Questo vi sarà possibile solo conoscendo approfonditamente la vostra impastatrice, in modo da capire quand’è che il vostro apparecchio ha bisogno d’assistenza.

Commenta per primo

      Commenta

      ImpastatriceMaster

       

      NON FARTI SCAPPARE LE OFFERTE MIGLIORI SU AMAZON!

       

      Klarstein Bella